CITYROM

È un dato di fatto che a Milano il numero dei senza fissa dimora, degli abitanti delle baraccopoli e degli occupanti abusivi sta aumentando notevolmente. L’emergenza casa riguarda diverse fasce di popolazione: persone con problemi di esclusione sociale dovuti a sopraggiunte difficoltà socio-economiche o a disagio psichico, profughi, immigrati appena arrivati in città, nelle prime fasi del loro percorso di integrazione e, in particolare, di questi tempi, cittadini dell’Europa dell’est di etnia rom. Quest’ultima categoria di migranti rappresenta oggi la popolazione più numerosa dei così detti “campi nomadi autorizzati” e degli insediamenti illegali (baraccopoli, edifici occupati), che costituiscono un grande problema, affrontato per lo più in modi inadeguati e inefficaci, su tutto il territorio italiano.

A Milano, in particolare, la condizione abitativa delle famiglie di immigrati rumeni di etnia rom giunti in città negli ultimi dieci anni, costituisce una grave emergenza umanitaria.

Considerati, a torto, nomadi (i rom presenti in Italia, e in particolare i rom rumeni, nei loro paesi di origine erano stanziali) si è pensato, fino a oggi, che la risposta abitativa adatta alle loro particolari esigenze socio-culturali, fossero i “campi temporanei attrezzati”, che hanno rappresentato l’unica alternativa agli insediamenti abusivi – insufficiente e assolutamente al di sotto degli standard abitativi legali – offerta dalle istituzioni, secondo una politica di solo ordine pubblico.

Sebbene dopo essere emigrati siano costretti a muoversi da un insediamento all’altro in cerca di una sistemazione sicura, mimetizzandosi e disperdendosi nelle pieghe invisibili e marginali della città, ciò che caratterizza i migranti di etnia rom non è il loro nomadismo. Essi si differenziano dalle popolazioni delle ondate migratorie precedenti per due aspetti fondamentali: da una parte il fatto che costituiscono una minoranza etnica che ha vissuto nei paesi di origine e continua a vivere nei paesi in cui emigra, ai margini della società, in condizioni di esclusione e discriminazione. Dall’altra il fatto che emigrano muovendosi con l’intero nucleo famigliare (mentre negli altri casi di solito partono per primi singoli individui che, una volta create le condizioni adatte, sono raggiunti dal resto della famiglia). È da questi due fattori principali che ci sembra sia necessario partire per affrontare il problema abitativo e di integrazione di questa particolare ondata di immigrati.

Questo blog è l’ archivio di CITYROM: raccoglie materiali della ricerca ( testi, immagini e materiali audiovisivi prodotti dal laboratorio multiplicity) e una selezione di articoli, saggi e link. È aperto alla discussione con chi è interessato a questi temi.

Il blog è a cura di Maddalena Bregani e Salvatore Porcaro.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: