Il campo comunale di via Bonfadini 39

dicembre 11, 2008

bonfadini-39-2008-google-immagini-2008-digitalglobe-cnes-spot-image-geoeye

(@2008 google – Immagini @2008 digitalGlobe, Cnes/Spot image, GeoEye)

L’”area abitativa comunale per cittadini di origine rom e sinti” di via Bonfadini occupa un triangolo di 5.000 metri quadrati nei pressi dell’Ortomercato, i cui lati sono definiti dai binari del passante ferroviario. Vi si accede con una strada cieca che, dopo aver attraversato un’area di stoccaggio dell’Ortomercato, passa al di sotto della ferrovia e sbuca in un’isola tra i binari occupata interamente dal campo. Emergendo dal sottopassaggio – che è l’unico accesso all’”isola” da quando, qualche anno fa, due passaggi a livello sono stati eliminati – Milano scompare e ci si trova improvvisamente in un altro continente. Progettato dal Comune  nel 1987 come ”area  di sosta attrezzata per roulotte e case mobili”, per alcune famiglie di rom abruzzesi che dagli anni sessanta si erano stabiliti in un terreno nelle vicinanze, il campo si presenta oggi come uno slum costituito da  un denso agglomerato di case mono-famigliari autocostruite, alcune in muratura, altre in legno e qualche casa mobile e roulotte. Varcato l’ingresso – costituito da uno spazio libero che interrompe la schiera di case rivolte verso l’interno del campo che ne recintano il perimetro, –  ci si trova in un villaggio brulicante di vita. Tra le case e le auto parcheggiate i bambini giocano mentre gli adulti si dedicano alle più svariate attività: chi aggiusta una motocicletta, chi cucina, chi pialla in un laboratorio di falegnameria a cielo aperto, chi semplicemente chiacchiera in gruppo seduto davanti a casa. Dappertutto fervono lavori di ristrutturazione, manutenzione e ampliamento delle casette.   Il disegno delle piazzole di 200 mq originariamente assegnate ad ogni famiglia per parcheggiare l’auto e la roulotte o la casa mobile non si riconosce più. Come racconta M. A.- una giovane abitante del campo in attesa di essere riconfermata mediatrice culturale dal Comune – non appena il campo comunale fu pronto, nel 1987, e furono assegnate alle famiglie le  piazzole in cui dovevano trasferirsi per liberare l’area dove vivevano da vent’anni, tutti cominciarono a costruire casette di legno e da allora nel villaggio i lavori per renderle sempre più confortevoli non si sono mai interrotti. Il Comune aveva predisposto il campo come un campeggio,  con la possibilità di collegarsi alla rete elettrica e con un blocco di servizi comuni – gabinetti e docce con l’acqua fredda – ma la maggior parte delle famiglie ha provveduto in proprio ad allacciare la propria abitazione alla rete fognaria e all’acqua. Ora quasi tutte hanno l’acqua corrente e il gabinetto in casa. Secondo le informazioni fornite dal Nucleo problemi del territorio della Polizia locale, la maggior parte delle costruzioni abusive sono state condonate per “stato di necessità”. 

Nel campo vivono oggi 25 famiglie, per un totale di circa 120 persone, tra cui moltissimi minori. Secondo Valerio Pedroli dei Padri Somaschi, l’associazione che si occupa di assistenza e mediazione sociale nel campo di via Bonfadini, la posizione e la struttura del campo ne fanno un ghetto destinato fin dalle origini ad essere un vivaio di disagio e asocialità. Il tentativo dell’associazione è quello di mettere in comunicazione il campo e il territorio, soprattutto attraverso progetti che coinvolgono i bambini del campo che frequentano le scuole del quartiere e i loro genitori.

M.A. : La mia famiglia è venuta  dall’Abruzzo negli anni Sessanta in cerca di lavoro. I genitori di mia madre in Abruzzo vivevano da sempre in casa, quelli di mio padre si occupavano di cavalli e si spostavano con la roulotte. Noi non siamo nomadi, siamo sedentari e ci siamo dovuti costruire da soli questa casa, con il bagno, la cucina e lo spazio per vivere in sei persone. I bambini vanno a scuola e hanno bisogno di spazio. Abbiamo già  ricevuto una denuncia per abuso edilizio ma siamo stati assolti perché abbiamo fatto i lavori per necessità, per avere una casa dove vivere. Ora stiamo facendo altri lavori e abbiamo paura di ricevere un’altra denuncia.  Non capisco perché ci denunciano, noi abbiamo reso la nostra casa a norma,  ora i soffitti sono dell’altezza giusta, l’impianto elettrico è a norma e abbiamo usato materiali a norma per gli incendi. Qui tutti sistemano continuamente la propria casa, per renderla più comoda. Fanno il bagno con l’acqua calda, la ampliano perché i figli si sono sposati. In questo campo vivono le stesse famiglie che c’erano quando è nato, ma i figli sono cresciuti, si sono sposati e hanno avuto dei bambini. C’è ancora l’abitudine di sposarsi giovani – questi che si stanno costruendo la casa qui a fianco hanno vent’anni e tre figli – e per tradizione la nuova famiglia resta a casa dei genitori dello sposo. A me piace vivere qui perché sto vicino ai miei parenti e perché ora che abbiamo sistemato la casa mi trovo bene. Ogni tanto c’è qualcuno che va a vivere fuori dal campo, in una casa normale, come una ragazza che fa la mediatrice culturale come me. Ma sembra che il Comune non le  rinnovi  più il contratto perchè da quest’anno solo chi vive nel campo può fare la mediatrice culturale. Trovo che sia assurdo: lei al campo conosce tutti, viene sempre, non è necessario abitare nel campo per fare il lavoro di mediazione culturale. Noi rom  abbiamo la nostra cultura e il nostro lavoro di mediatrici coi bambini che vanno a scuola, i loro genitori e le maestre è molto importante. La mia collega aveva un lavoro e poteva pagare l’affitto fuori dal campo e ora che le tolgono il lavoro che cosa fa? deve tornare ad abitare nel campo?

Valerio Pedroni: Il campo si  trova ai margini di una zona storicamente indigente e disagiata di grandi case popolari. Nella zona più decentrata e marginale di una zona marginale, chiuso tra i binari della ferrovia. Questo significa che è destinato all’emarginazione. Tra gli adulti c’é una percentuale  impressionante di persone in carcere o agli arresti domiciliari. C’è una situazione di povertà non certo materiale, perché a nessuno manca da mangiare, ma immateriale, di disagio sociale. Nel campo ci sono due tendenze opposte: da una parte una tendenza centrifuga, che riguarda le  donne e i minori che rifiutano fortemente di vivere in campo e che vorrebbero una situazione abitativa diversa. Dall’altra una tendenza centripeta, di chi cerca di rimanere nel campo, un po’ perché ha paura di quello che c’è fuori, e il campo diventa una forma di protezione dai pericoli esterni, e un po’ anche perché per certi versi costituisce una zona franca. Il campo sicuramente favorisce il formarsi di percorsi devianti e rappresenta un ostacolo alla riuscita un percorso positivo di uscita dall’emarginazione. 

Alcuni degli abitanti del campo ora vivono in case popolari – alcuni le occupano abusivamente, altri invece ne hanno ottenuta una –, altri hanno provato ad andare a vivere in una casa popolare, non ci sono riusciti e sono tornati al campo. Sicuramente il campo, sia per quelli che ci vivono, sia per quelli che abitano nelle case popolari, costituisce ancora il centro nevralgico della comunità sociale. 

Dal momento che il problema è che questo campo è un esempio di esclusione sociale allo stato puro e non ha nessun tipo di comunicazione con il territorio, quello che intendiamo fare col nostro intervento è portare il territorio nel campo e il campo nel territorio. Il territorio è ossigeno e noi dobbiamo fare in modo che le due realtà, campo e territorio, si parlino. La prima cosa che abbiamo fatto è stato conoscere molto bene il territorio – i comitati d’inquilini, le parrocchie, gli oratori, le varie associazioni di volontariato, le istituzioni – e cercare di portare gli adulti  a usufruire dei servizi che questo offre, creando alcune prime occasioni di conoscenza reciproca. Nello stesso tempo stiamo cercando di creare occasioni per portare persone del territorio all’interno del campo attraverso il volontariato, in modo tale che questo circuito di ossigeno cominci a funzionare. Lavoriamo molto con i minori e la scuola: ci sono, tra elementari e medie, circa trenta minori iscritti.  Lavoriamo insieme a due mediatrici culturali del campo e gestiamo uno “sportello scuola” con alcuni insegnanti delle elementari e delle medie, cercando di proporre ai minori anche attività extra-scolastiche sul territorio, concertate insieme alle scuole stesse. E gli adulti, in un certo senso, si ancorano alle traiettorie dei minori. Per cui, se un ragazzo del campo inizia a frequentare il doposcuola e conosce un altro ragazzo, le due famiglie riescono a parlarsi più facilmente. Questo moto che abbiamo cercato di innescare sembra dare i primi risultati, tenendo conto che siamo in questo campo solo da febbraio. Ma il percorso evidentemente è molto lungo e il lavoro da fare è con tutte le istituzioni, il Comune di Milano in primis. 

(Il sopralluogo al campo è stato effettuato il 17 ottobre 2008, l’intervista a Valerio Pderoni il 25 ottobre 2008)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: